Eltjon Bida

Eltjon Bida è nato il 16/12/1977 a Bashkim, un piccolo paesino di circa seicentoabitanti in provincia di Fier, Albania. Suo padre era insegnante e sua madre infermiera; è il secondo di quattro figli, Eltjon ha infatti due sorelle e un fratello.

Brillante negli studi, sin dall’epoca della scuola era apprezzato per la bellezza dei suoi temi e per gli ottimi voti. Ha frequentato la scuola fino al terzo anno del ginnasio, quando è stato costretto a interrompere gli studi. In Albania erano anni duri: si moltiplicavano i disordini e le scuole chiudevano una dopo l’altra; la quotidianità stessa era sconvolta da bande che derubavano, picchiavano e rapivano.

Nel febbraio del 1995, all’età di diciassette anni, Eltjon è arrivato in Italia a bordo di un gommone. Dopo l’arrivo in Italia ha lavorato prima in campagna per due anni, in Abruzzo, per poi trasferirsi a Milano dove ha iniziato facendo il venditore porta a porta. In seguito, per sette anni, è stato operaio in una ditta d’arredamenti e per circa tredici anni ha lavorato come receptionist in albergo. Dopo il lavoro, la sera, ha sempre frequentato corsi linguistici e ora parla sei lingue.

Oggi vive a Milano, con sua moglie e i loro due figli.

Eltjon ha sempre avuto una grande passione per la lettura. Ha recentemente dato alle stampe il suo primo libro, “C’era una volta un clandestino”, vincitore di due premi: il 14 settembre 2019 a Eltjon è stato riconosciuto il premio “Books for Peace” Special Award for Culture e il 23 novembre il “Premio della Critica” nell’ambito del Premio Letterario Milano International 2019.

I suoi libri

C’era una volta un clandestino (Policromia, PubMe, 2018).